Consulenza Legale Italia/Estero

LA CITTADINANZA ITALIANA PER VIA GIUDIZIALE AL TRIBUNALE CIVILE E AL TAR

Lo Studio Crepaldi in collaborazione con lo Studio legale Associato in Italia e all’estero offre assistenza legale completa e consulenza per il procedimento di cittadinanza italiana per via Giudiziale per i cittadini stranieri, in particolarità “iuri sanguinis” .

Il diritto italiano riconosce la tutela degli interessi legittimi con il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale e dei diritti soggettivi con il ricorso al Tribunale civile.

La trasmissione per discendenza della cittadinanza italiana, interessa anche gli stranieri discendenti da un cittadino italiano emigrato in un paese straniero dopo il 1861. Per ottenere la cittadinanza italiana iuri sanguinis dimostrare al consolato di avere una discendenza ininterrotta da un cittadino italiano emigrato (ininterrotta discendenza), producendo i documenti richiesti (documenti richiesti per riconoscimento cittadinanza iuri sanguinis) info@studiocrepalditranslation.com. Hai diritto al riconoscimento della cittadinanza italiana e al passaporto iure sanguinis, se l’avo emigrato dal quale discendi (uomo o donna) ha generato discendenza mentre era ancora cittadino italiano.

Fino al 1948 la cittadinanza italiana si trasmetteva solo per via paterna. Quindi se, per esempio, l’avo emigrato ha generato una figlia, che a sua volta ha contratto matrimonio con un cittadino di un altro paese prima del 1948 (Brasile, Argentina, Stati Uniti, Canada, Australia), i suoi discendenti non sono riconosciuti Cittadini italiani. Tuttavia, nel 1948 la Costituzione italiana ha riconosciuto alle donne gli stessi diritti degli uomini. Quindi, adesso è possibile ricostruire la discendenza della cittadinanza da parte della madre per via giudiziale, anche prima del 1948. In questo caso è necessario il ricorso al Tribunale ordinario civile di Roma.

La richiesta di riconoscimento della cittadinanza italiana per via giudiziale al Tribunale civile o al TAR

Abbiamo già detto che per la ricostruzione della discendenza per via materna prima del 1948 è necessario rivolgersi al Tribunale civile di Roma. Ma si può ricorrere al Tribunale civile di Roma in altre 3 occasioni

  • Quando si può dimostrare che in base al numero di domanda che il Consolato è arrivato a trattare per avere riconosciuta la cittadinanza, si dovrebbero ancora attendere molto più di 2 anni;
  • Quando si può dimostrare che il consolato non ha accolto la domanda per l’inserimento in lista d’attesa;
  • Quando è stato rifiutato il riconoscimento della cittadinanza italiana.

Invece, si agisce davanti al Tribunale Amministrativo Regionale TAR Lazio per la tutela dell’interesse legittimo, per la violazione del termine dei 2 anni dalla presentazione della domanda o per illegittimo rifiuto.

CONTATTI

ITALIA: Piazza Cittadella, 9, 37122 Verona VR
ESTERO: R. Cel. Pedro Benedet, 363 – Centro Criciúma
SC 88801-250 Brasile

Tel: 045 800 6157
Mob: 389 081 8970
Mob: 349 126 0601
Email: info@studiocrepalditranslation.com

Link Utili

Iscrizione all’albo dei periti
Pronto Pro
Guida Traduzioni

Per tutte le informazioni sui nostri prodotti/servizi o semplicemente per maggiori chiarimenti, potete scriverci attraverso il form. Il nostro personale vi ricontatterà il prima possibile.

NB: Compilando il form ed inviando i tuoi dati dichiari implicitamente di aver preso visione e di accettare le condizioni generali presenti all’interno della Privacy Policy e della Cookie Policy.

Prova che sei umano selezionando l'icona corrispondente a Chiave.